6 consigli per migliorare le strategie di eCommerce per il Black Friday

• La Spagna è uno dei Paesi leader nella crescita dell’e-commerce con un fatturato di 51.600 milioni di euro nel 2020.
• E si prevede che il numero di cittadini spagnoli che fanno acquisti online possa raggiungere i 36,9 milioni entro il 2025.
• Con il Black Friday a portata di mano, Packlink ha elaborato alcune regole d’oro per creare e gestire un e-commerce di successo.

Consigli per il tuo Business

Scenario dell’eCommerce 2020

Madrid, 28 di settembre 2021 – In Spagna, l’anno scorso il valore degli acquisti online ha raggiunto i 51,6 miliardi di euro, una tendenza che, nonostante l’accelerazione causata dalla pandemia, è destinata a diventare sempre più stabile nei prossimi anni. Infatti, entro il 2025, il numero di utenti nel settore del commercio elettronico dovrebbe raggiungere 36,9 milioni di cittadini (fonte: statista).

Il periodo di lockdown ha favorito una migrazione dal commercio tradizionale alle piattaforme di e-commerce, con una crescita del 5,8% del fatturato totale di un settore che però si è fortemente impoverito in alcuni rami di attività come il turismo, che ha subito un calo del 57% rispetto al 2019. Tuttavia, i beni di consumo di base, come i prodotti del supermercato o gli elettrodomestici, sono riusciti a raddoppiare i loro risultati.

Questa transizione al mercato online è diventata una finestra di opportunità, generando un’alternativa in periodi difficili per il consumo, e allo stesso tempo ha permesso alle aziende spagnole di diversificare i loro canali di vendita e distribuzione, adattandosi con versatilità ai cambiamenti del settore e ai consumatori sempre più connessi. Un ecosistema imprenditoriale in Spagna che, secondo gli ultimi dati del Ministero dell’Industria, del Commercio e del Turismo, conta oggi 2.911.553 imprese, il 99,8% delle quali sono PMI.

“Quando insistiamo sull’idea che le PMI costituiscono la maggior parte del tessuto imprenditoriale spagnolo, non stiamo esagerando. La grande maggioranza della popolazione attiva lavora nelle PMI, oltre ai più di tre milioni di lavoratori autonomi nel nostro paese. Ecco perché la Spagna è uno dei paesi in cui l’e-commerce è cresciuto di più, un eccellente complemento al commercio tradizionale, che permette loro di accompagnare il loro business fisico e raggiungere i clienti in qualsiasi parte del mondo con totale facilità”, afferma Noelia Lázaro, Chief Marketing Officer presso Packlink, una piattaforma di soluzioni logistiche che supporta più di 36.000 PMI in Europa.

Ed è proprio questa complementarità che permette alle piccole imprese non solo di non scomparire ma, al contrario, di crescere insieme ai canali online e offline. Una “democratizzazione” del commercio, quindi, che sarà la tendenza dei prossimi anni.

6 suggerimenti per sfruttare al meglio la tua attività commerciale nel Black Friday

Mancano poco meno di due mesi all’arrivo del Black Friday, la grande pietra miliare commerciale nordamericana che è riuscita ad affermarsi in tutto il mondo, compreso il nostro paese, e che è diventata il segnale di partenza ufficiale della campagna natalizia. Una campagna natalizia che l’anno scorso ha battuto tutti i record nel numero di spedizioni, con quasi il 200% rispetto all’anno precedente secondo i dati di Packlink. Ecco perché Packlink mette in evidenza 6 consigli per trasformare il tuo business in un e-commerce di successo:

  • Studia la tua nicchia e capisci il tuo cliente: Cosa vendi? Chi sono i tuoi clienti più fedeli? Puoi cominciare dalla conoscenza locale e trasformarle in una strategia più ampia. Definisci le tue “buyer personas” gli archetipi che raggruppano più clienti in un’unica figura astratta, per caratteristiche specifiche (demografia, comportamento, interessi e valori simili), così sarà più facile soddisfare il mercato, anche in assenza di una relazione diretta. Per esempio, una farmacia e-commerce i cui acquirenti sono appassionati di sport, può ampliare la sua offerta e la sua fatturazione, includendo degli integratori.
  • Crea il tuo sito web online: Non è necessario essere uno sviluppatore web per creare un e-commerce, ci sono, infatti, varie piattaforme che ti permettono di creare siti web in pochi passi, curando sia l’estetica che l’usabilità. Wix, per esempio, si basa su un sistema di drag and drop, cioè permette di creare una pagina semplicemente trascinandoci sopra la grafica. Un altro CMS creato appositamente per il commercio elettronico è PrestaShop. La sua peculiarità è la separazione tra contenuto, grafica e programmazione, in modo che ogni figura professionale possa occuparsi di una sezione diversa.
  • Progetta il tuo catalogo online: Una volta che hai creato un sito accattivante e facile da usare, è il momento di pensare ai contenuti. Il passo successivo è organizzare i prodotti nel catalogo, soprattutto se, nel tuo e-shop, ci sono diverse marche. Ci sono due possibilità: organizzazione per marca o per funzionalità. Ma come scegliere? Chiediti: “I miei acquirenti conoscono le marche che vendo?” Sì: opta per un’organizzazione focalizzata sul marchio. Per esempio, nell’abbigliamento, i consumatori sono spesso spinti a comprare dalla forza del marchio. Al contrario, nel B2B, ciò che riveste maggiore interesse è l’aspetto pratico-funzionale, quindi è meglio organizzarli per funzione.
  • Ottimizza il tuo e-commerce SEO: Lavorare sulla tua strategia SEO ti permette di ottimizzare il tuo Conversion Rate raddoppiando il traffico del sito e le vendite, ecco perché identificare le giuste parole chiave è così importante. Questi rispondono alla richiesta di informazioni dei nostri utenti, quindi è necessario capire come i nostri clienti cercano un certo prodotto online. Google ci viene in aiuto con il suo Keyword Planner, uno strumento gratuito che è stato creato per selezionare le parole chiave da includere negli annunci di Google Adwords, ma è anche utile per conoscere dati utili su base mensile relativi a determinate parole chiave. Una volta individuate le parole chiave, queste devono essere inserite nei testi presenti nel nostro e-commerce, scrivendo schede prodotto SEO-friendly, cioè in grado di rispondere ad una specifica esigenza con le parole giuste. Non dimenticare di ottimizzare l’URL: la sua funzione è quella di permettere al motore di ricerca di trovare la pagina, quindi inserisci anche qui la tua parola chiave di riferimento!
  • Promuovi il tuo e-shop: secondo l’Osservatorio Multicanalità, promosso dalla School of Management del Politecnico di Milano e da Nielsen, circa il 75% di coloro che hanno acquistato un prodotto lo hanno visto per la prima volta sui social media. Ecco perché è così importante costruire una presenza sociale. Per prima cosa, è necessario capire quali sono i canali più frequentati dal nostro pubblico e come comunicare con loro nel modo giusto. Una volta scelti i canali da utilizzare e il Tone of Voice, è necessario impostare un piano editoriale di post costanti e interessanti. Per fare questo, si può usare un mix di contenuti diversi, da quelli informativi che comunicano “chi siamo”, “cosa facciamo” e “come lo facciamo”, a post con lo scopo dell’engagement, finalizzati alla costruzione della community, e contenuti più “educativi”, legati all’obiettivo della conversione. Non dimenticare che i social network, oltre ad essere un canale di comunicazione, sono anche un canale di vendita: oggi i clienti possono comprare direttamente dai post che vedono attraverso Facebook e Instagram Shops.
  • Scegli uno strumento adatto per le consegne ai clienti: ci si può chiedere quale dei tanti passaggi che un rivenditore online deve gestire deve assolutamente essere automatizzato e quindi accelerato e semplificato. La risposta è: tutti. E c’è un modo per farlo, e consiste nel sapersi mettere nelle mani giuste e pianificare le spedizioni attraverso un unico strumento. Packlink PRO, ad esempio, si integra con il tuo e-commerce (creato per Wix, PrestaShop o WooCommerce) e ti permette di importare e monitorare gli ordini ricevuti, oltre a spedire con servizi nazionali o internazionali, risparmiando fino al 70%: il tutto senza contratti o canoni mensili.

👉 Clicca qui per scaricare la nostra guida in formato pdf.