Come comprare su siti cinesi e rivendere online in tutto il mondo

Alibaba.com è il portale commerciale più visitato al mondo, ha sede in Cina ed è il più gettonato portale business to business online. Stiamo parlando di un sito cinese che mette in comunicazione le principali aziende manifatturiere asiatiche con imprenditori e negozi di ogni continente e che deve il suo successo internazionale alla possibilità garantita di poter acquistare dai grossisti cinesi merci e prodotti a prezzi molto più contenuti rispetto a quelli stabiliti dai principali grossisti locali.

Prima di procedere con la guida per importare prodotti dalla Cina e poi rivenderli nel resto del mondo con siti come Ebay sono importanti alcune precisazioni. Innanzitutto è doveroso sottolineare che le aziende che operano su Alibaba richiedono spesso acquisti di grandi quantitativi di merci. Per chi è interessato ordini di quantitativi inferiori (meno di 5 – 10 oggetti, per esempio) è più consigliato Aliexpress, portale sempre controllato da Alibaba ma pensato per la vendita al dettaglio e di cui parleremo in seguito.

Ma è sicuro comprare su Alibaba e Aliexpress

Alibaba non garantisce né per la bontà delle merce né per l’onesta dei venditori interessati e non permette neanche di conoscere il parere di chi ha già effettuato acquisti presso il portale. Tuttavia la presenza delle aziende più grandi e più conosciute del Paese sembra far da argine a queste pecche nel campo della sicurezza. Un consiglio che possiamo darvi è quello di cercare di fare i vostri acquisti con i “fornitori d’oro” (Gold Supplier), cioè quelle aziende che hanno acquisito questo stato pagando un abbonamento mensile al portale. Il pagamento della quota aumenterà i controlli sul venditore e garantirà che vengano verificati dai gestori di Alibaba la registrazione dell’azienda, l’indirizzo operativo, il nome del rappresentante legale e il capitale sociale. In caso di mancata corrispondenza di questi dati con quelli forniti al momento dell’iscrizione o sul sito web aziendale lo status di Fornitore d’oro cadrà automaticamente.

Per la vendita al dettaglio, come abbiamo precisato in precedenza, è forse più utile Aliexpress.com, sempre controllato dal “fratello maggiore” Alibaba.com.

Pensato per chi è più interessato alla compravendita di piccole quantità di merci, questo portale, al contrario dell’altro, permette di visualizzare i commenti e le recensioni di chi ha già effettuato acquisti presso il venditore che vi interessa. Un altro consiglio, oltre a quello di controllare attentamente i feedback, è quello di affidarvi ai pochi grossisti che ritenete più affidabili e che hanno la più grande varietà di merci. Un metodo per snellire le procedure di acquisto e per ottenere futuri sconti sui prodotti. Un’altra possibilità interessante offerta da Aliexpress è quella di poter contrattare direttamente via mail il prezzo della merce.

È importante precisare, infine, che per fare acquisti su questi portali non è accettato il metodo di pagamento Paypal (vanno bene invece le principali carte di credito e debito), per gli ordini inferiori a 22 euro non ci sono dazi doganali aggiuntivi mentre per quelli superiori dovrete aggiungere circa il 30% al totale della merce e che, infine, la media dei tempi spedizione dalla Cina può arrivare anche a 40 giorni lavorativi. Tenuto presente tutto questo, potrete impostare un vostro programma per importare merci dalla Cina e poi rivenderle nel vostro negozio online.

Come vendiamo su Ebay gli acquisti sui portali cinesi

Innanzitutto è consigliabile trattare prodotti di cui abbiamo conoscenza e che non sono molto diffusi: è un modo molto semplice per crearsi una certa autorevolezza nel settore commerciale in cui andremo a vendere le nostre merci, con la possibilità di diventare leader in una nicchia di mercato non ancora ampiamente sfruttata. Tra gli oggetti più trattati e che garantiscono i maggiori guadagni nell’iter “importazione-vendita al dettaglio” ci sono i piccoli pezzi di gioielleria o bigiotteria, scarpe e vestiti, accessori per la telefonia mobile, prodotti di make up e persino i semi, per i quali occorre fare particolare attenzione alle norme doganali e sanitarie per l’importazione dalla Cina.

Questa strategia che abbiamo cercato di delineare si rivela molto utile per chi decide di indirizzare il proprio business principalmente sull’e-commerce, acquistando prodotti cinesi online per poi rivenderli su altri mercati. Le possibilità garantite da questi portali asiatici di acquistare merci a poco prezzo e poterle rivendere agli standard di mercato del Paese in cui verranno vendute sta creando quotidianamente nuovi imprenditori.

Per vendere su Ebay ciò che avete acquistato da Alibaba o su Aliexpress non occorrono negozi enormi in cui esporre la merce o anni ed anni di commercio al dettaglio. È sufficiente aprire una partita Iva, avere medie competenze informatiche, programmare una efficiente gestione del magazzino e delle spedizioni e realizzare un ottimo business plan per diventare in poco tempo imprenditori di voi stessi. Se avete bisogno di un ulteriore conferma della bontà del metodo andate a controllare quante aziende stanno quotidianamente investendo nel commercio online, dedicandosi in molti casi a questo tipo di business su Ebay. Resterete stupiti.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close